DESIGN ARTIGIANALE

creativi e autoproduzione

giugno 1st, 2015
FABRIZIO DEMMA

L’AUTOPRODUZIONE RITORNA A CASA PER VINCERE

E’ risaputo che il design in Italia ha il suo cuore pulsante a Milano dove oltre ad esserci grandi protagonisti c’è un evento internazionale che mantiene alto l’interesse sul design e sulla creatività in generale. Ovviamente chi si occupa di design, sia come consulente che come autoproduttore tenta di piantare un seme in questa città per potersi confrontare e anche per avere la visibilità che magari in un piccolo centro non è possibile avere. Può succedere, però, che dopo un periodo, anche lungo, di permanenza il creativo o il designer senta l’esigenza di mettersi in discussione e verificare se ciò che ha seminato può essere reimpiantato nei luoghi natii. E’ il caso di Fabrizio Demma nato a Salerno nel 1971, che attualmente vive e lavora a Milano. Architetto e designer, dopo aver conseguito la Laurea in Architettura ed il Dottorato di Ricerca in Storia e Critica dell’Architettura a Napoli, inizia la sua attività di progettazione e di ricerca muovendosi tra Napoli e Parigi.
 A Milano lavora soprattutto nell’ambito dell’interior design e dell’architettura sanitaria. Nel settembre 2012 fonda fdA – fabrizio demma atelier, laboratorio di design artigianale autoprodotto (il sito web di Fabrizio).

Demma-libreria

Ora Fabrizio vuole rientrare nella sua Salerno e provare ad utilizzare i materiali e le maestranze della sua terra per continuare il suo percorso nel mondo dell’autoproduzione. Una sfida difficile che necessita di tanta passione e detrminazione in un momento dell’economia davvero complicato soprattutto per la provincia italiana.
La scelta di Fabrizio ci piace molto e siamo contenti di sostenerla, a lui abbiamo chiesto quale sia il suo pensiero che lo ha spinto a diventare un autoproduttore: “il design non è più solo un valore aggiunto che nobilita l’oggetto, ma nasce con l’oggetto stesso, che ritrova una sua semplicità, torna ad essere familiare. Il disegno è immediatamente ricondotto alla sua possibilità di diventare materia, l’architettura dell’oggetto cerca una sintesi essenziale tra omogeneità compositiva ed unicità degli elementi attraverso una tecnologia semplice.”

Angelo Soldani

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− sette = 1

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>