DESIGN ARTIGIANALE

creativi e autoproduzione

febbraio 15th, 2016
LORELLA POZZI

SENZA SUPPORTO IL DESIGNER NON RIESCE A DIVENTARE IMPRENDITORE CON L’AUTOPRODUZIONE

Se la perfezione non fosse una chimera, non avrebbe tanto successo.
(Honoré de Balzac)

E lo sa bene Lorella Pozzi che mi pone diverse questioni legate all’autoproduzione; partendo proprio dallo storytelling, cifra distintiva del giornale e banco di prova comunicativo per gli intervistati.
Possibile che l’autoproduttore debba saper fare tutto? Realizzare un prodotto eccellente, interessarsi alle dinamiche del mercato finanziario, per la sua distribuzione, e proporlo nella maniera adeguata, sottintendendo una capacità oratoria mediamente superiore alla media, un uso disinvolto dei linguaggi visivi moderni e, ovviamente, un’approfondita conoscenza del web?
Il processo di progettazione già implica in sè le ben note fasi dell’ozio, talvolta frustrante, pre-creativo accompagnato da una leggera depressione che scompare nel momento in cui si concretizza materialmente l’idea; caricarlo di mille competenze non sempre garantisce la qualità al prodotto finito.
Addensare in un sol corpo mille mestieri, quasi un involontario inno al multitasking a tutti i costi, invece di dare vita alla figura professionale dell’autoproduttore consapevole, potrebbe creargli una crisi d’identità.
In un mercato potenzialmente infinito, dove un’invisibile battaglia all’ultimo dettaglio definisce il tono dello scontro, non è la cura estrema di alcuni particolari, ora fondamentali come il packaging, a sancire il successo dell’impresa?
E’ vero, forse non basta. Sarebbe opportuno creare una filiera produttiva che risponda ai bisogni sempre più articolati dei clienti, dove i singoli non si sostituiscono ai più, ma collaborino incrociando saperi, capacità ed esperienze per dar luogo a piattaforme polifunzionali, che potrebbero risultare utili per valorizzare la sezione dei così détti “prodotti di nicchia”.
Altro aspetto interessante riguarda la reperibilità delle materie prime italiane, il km 0 diviene una sfida inattuabile, nella maggior parte dei casi, per gli enormi quantitativi di spesa che le aziende richiedono e le composizioni chimiche che mutano spessissimo, diminuendo la pregevolezza della merce acquisita.

Pozzi_prodotto
Un dato così rilevante può davvero compromettere chi lavora la ceramica o affini come la Pozzi, che riflette su come uno Stato in cui non si prevedono misure di natura legislativa e fiscale per tutelare gli autoproduttori, questi oltre a numerose abilità tecnico-cognitive, devono possedere un inguaribile ottimismo, accrescere l’autostima, e mettere a frutto la propria indipendenza, perché per ora possono fare affidamento solo su se stessi (info sulla produzione di Lorella).
D’altronde tutta questa serie di limiti può, in una certa misura, fornire gli stimoli necessari per perpetuare la propria ricerca interiore, non pregiudicare il lavoro a causa delle circostanze sfavorevoli, e beneficiare maggiormente dell’opera compiuta, amandola se possibile ancor di più.

Sabrina De Mercurio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 + uno =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>