DESIGN ARTIGIANALE

creativi e autoproduzione

giugno 15th, 2015
NICOLA COTUGNO

IL GESTO D’AMORE DI NICOLA

Nicola Cotugno

Passione

Il professor Cotugno ha oggi 58 anni e dal 1986 insegna Tecnologia all’Istituto Tecnico Galileo Ferraris di Scampia, Napoli, ai ragazzi del biennio, tra i 14 e i 17 anni.
Sì, avete letto bene, sono quasi 30 anni che lavora là, e quando gli ho chiesto perché mi ha risposto perché più passano gli anni e più il legame culturale e affettivo che costruisci con i ragazzi diventa parte di te, qualcosa di indissolubile, di straordinario, che dà senso e significato al tuo lavoro e alla tua vita.
«Tu lo sai come funziona Vincenzo, non è che devi stare lì a pensarci, più passa il tempo e più capisci quanto può essere importante, per te e per loro, rimanere a lavorare lì, riuscire ad ascoltarli, a capire le loro esigenze, a cercare di far venire fuori desideri, capacità, aspettative, talenti, a fare insomma quello che una scuola attenta alla crescita e alla formazione potrebbe e dovrebbe fare, soprattutto quanto questi ragazzi vivono in territori difficili e in contesti socio-familiari complessi.
Purtroppo il sistema scuola nel suo insieme è drammaticamente in ritardo su questo, e troppo spesso i nostri ragazzi appassiscono senza interesse alcuno in grigie aule che gli atrofizzano il presente e gli sbiadiscono il futuro.
Ecco, secondo me insegnare bene a Scampia significa, ancora più che altrove, dare ai ragazzi strumenti e opportunità che gli sarebbero quasi sempre negati, aiutarli a costruire percorsi di vita a partire da processi educativi e formativi basati su ambienti, pratiche e metodologie di apprendimento in grado di valorizzarne interessi, capacità e passioni.»
Leggete la storia di Nicola

Vincenzo Moretti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 × cinque =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>